Come guadagnare di più con Adsense – posizione banner

Leave a comment

Adsense ha sollevato l’importanza di avere pagine ottimizzate per più schermi e ha incoraggiato i publisher a provare le unità pubblicitarie reattive. Questo non era qualcosa di nuovo per AdSense poiché le unità pubblicitarie reattive sono state introdotte per la prima volta a luglio 2013 (e sono ancora in BETA) ma qualcosa che non ha ricevuto troppa attenzione nel settore.

Il 2014 sarà l’anno del web design reattivo e ci si aspetta che le unità AdSense reattive vedano un notevole aumento dal momento che sempre più proprietari di siti web apprezzano i vantaggi del design reattivo rispetto ai design tradizionali o mobili.

Le unità pubblicitarie reattive possono essere utilizzate solo su siti Web reattivi e hanno la logica incorporata per ridimensionare a seconda dello spazio pubblicitario disponibile, che dipende dalle dimensioni dello schermo. In sintesi un sito web reattivo è ottimizzato per la visualizzazione su schermi e risoluzioni di dimensioni diverse. Il design si adatta allo spazio disponibile e sembra bello senza doverlo ingrandire o ridurre o utilizzare la barra di scorrimento orizzontale.

Un design reattivo è anche la configurazione consigliata da Google per la creazione di siti Web ottimizzati per smartphone.

Suggerimenti di fai-da-te per aumentare le entrate AdSense:

Si dice comunemente che il traffico è direttamente proporzionale al guadagno nel blog, ma questo non è molto preciso in termini di pubblicità Adsense. La ragione di questo è che ci sono molti fattori che influenzano il tuo reddito Adsense . Questi includono il posizionamento dell’annuncio, il tipo di annuncio, la sorgente di traffico e il CPC AdSense più importante.

Se stai facendo ricerche per parole chiave , tieni d’occhio la colonna CPC. Più alto è il CPC, meglio è per te come publisher AdSense. Se scegli come target CPC elevato, il numero di parole, parole chiave e clic sui tuoi annunci sarà in genere maggiore.

Puoi anche utilizzare uno strumento come SEMRUSH per trovare parole chiave redditizie.

Un esempio lampante:

Questo è lo screenshot di un sito che utilizza vari formati banner adsense in varie posizioni. Come potete vedere quello che fa guadagnare di più, seppur nel suo piccolo, è quello “in article” ovvero dei banner inseriti in automatico dopo tot capitolo di un articolo del blog.

Lascia un commento