Hai cercato il tuo nome su Google (o su un altro motore di ricerca) e hai trovato il link al tuo profilo Facebook? Nulla di allarmante, è una funzione esclusiva di Facebook che viene abilitata automaticamente su tutti i profili, ma per fortuna può essere disattivata in pochi clic.

Lasciami spiegare prima di cosa si tratta. Facebook è un social network gratuito per tutti, dove tuttipossono cercare persone e non hanno bisogno di essere registrati. Devono solo visitare questa pagina che contiene l’elenco completo delle persone registrate su Facebook. Vedranno l’intera lista, piena dei nomi di coloro che hanno scelto di abilitare le impostazioni di ricerca pubblica.

Su Facebook, puoi scegliere di non apparire nei motori di ricerca esterni, come Google, Yahoo o Bing, ma non puoi scegliere di nascondere i tuoi dati  dai risultati del sito. In altre parole, qualsiasi utente registrato può sempre trovarti digitando il tuo nome nella barra di ricerca del sito. Tuttavia, puoi scegliere di non trovarti fuori da Facebook.

Come puoi rimuovere il profilo dai risultati di ricerca di Google? Per assicurarti che Google e altre fonti esterne non si adattino al tuo profilo tra i risultati, visita questa pagina e deseleziona l’opzione “Consenti ad altri motori di ricerca di collegarsi alla tua cronologia”.

In questo modo, Facebook dirà ai motori di ricerca esterni di non registrare informazioni pubbliche sul tuo profilo. L’effetto di questa impostazione, purtroppo, non sarà immediato: tutto dipende dalla velocità di scansione del SEO, che dovrà tornare alla pagina indice del tuo profilo per capire che è “andato” (non più visibile) al bot). Tutto ciò potrebbe richiedere molti giorni o settimane.

Se lascio l’opzione attiva, cosa possono vedere i motori di ricerca? Le uniche cose visibili ai motori di ricerca sono alcune delle informazioni pubbliche. In particolare, la copertina, l’immagine del profilo e le informazioni di contatto (solo se impostate su Politica pubblica: leggi come limitare la visibilità su Facebook).

Categorie: Facebook

Lascia un commento