Cercate un tool gratuito per “spiare” l’andamento di altri siti web? Provate con searchmetrics

Il termine “Fattori di classificazione” descrive i criteri applicati dai motori di ricerca nella valutazione delle pagine Web al fine di compilare le classifiche dei risultati di ricerca. I fattori di ranking possono riguardare il contenuto di un sito Web, l’implementazione tecnica, i segnali degli utenti, il profilo del backlink o qualsiasi altra funzionalità ritenuta pertinente dal motore di ricerca. Comprendere i fattori di ranking è un prerequisito per un’efficace ottimizzazione dei motori di ricerca.

Fattori di classifica spiegati: correlazioni rango e loro interpretazione causale

Dal 2012, Searchmetrics ha pubblicato il nostro “Ranking Factors Study” annuale. È una relazione eccellente, e un sacco di lavoro viene svolto dai nostri statistici, matematici, dirigenti e dai nostri esperti di ranking / ricerca, raccogliendo dati da tutto il mondo su ciò che influenza le classifiche di un sito web. Ma qual è la nostra definizione di “Ranking Factor”? Come – esattamente – viene analizzato? Cos’è una correlazione? Che cosa significa questo rapporto per te e perché dovresti prenderne atto? Spesso sorgono incomprensioni sull’interpretazione dei dati e delle sue relazioni causali, quindi ecco una spiegazione del background e del nostro approccio all’interpretazione dei dati.

A colpo d’occhio e per la navigazione (per clic):

  1. Correlazioni e coefficienti di correlazione di rango
    1. Calcolo della correlazione
    2. Algoritmi del motore di ricerca
    3. Black-Hat-SEO: Keyword-Stuffing, Cloaking & Co.
  2. Causa ≠ Correlazione
    1. Fallical logico e correlazioni illusorie
    2. Banca dati
    3. Fattori binari e numerici
    4. Valori e curve medi
    5. Il fattore di marca

Ogni anno analizziamo i primi 30 risultati di ricerca per 10.000 parole chiave, ovvero quasi 300.000 URL, nel nostro studio sui fattori di classificazione. Li analizziamo utilizzando una serie di fattori che espandiamo di anno in anno, ad esempio il numero di collegamenti a ritroso, la lunghezza del testo e le funzionalità di parole chiave e contenuti. La domanda di fondo è sempre la stessa: cosa differenzia le pagine che hanno scalato le classifiche, a differenza di quelle che sono state posizionate più indietro nelle SERP? Hanno più backlinks / testo / parole chiave / ecc.?

Algoritmi dei motori di ricerca e fattori di ranking di Google & Co.

I motori di ricerca funzionano utilizzando algoritmi per valutare i siti per argomento e rilevanza . Questa valutazione è utilizzato per strutturare le pagine del motore di ricerca di indice, che alla fine si traduce in query degli utenti che visualizzano il miglior ranking possibile della visualizzazione dei risultati. I criteri per la valutazione delle pagine Web e per la produzione di questa classifica sono generalmente indicati come fattori di ranking.

Le ragioni di ciò sono semplici: il numero in aumento esponenziale di documenti su Internet e nell’indice di ricerca rende impossibile classificare queste pagine senza un algoritmo automatico, nonostante l’esistenza di “valutatori” umani. Questo algoritmo è obbligatorio (ordine, dopotutto, richiede uno schema) e, allo stesso tempo, il segreto meglio custodito nel business di Internet, perché per i motori di ricerca è essenziale mantenere i fattori di fondo che costituiscono il algoritmo strettamente confidenziale.

Questa segretezza intrinseca ha meno a che fare con la competizione tra motori di ricerca di quanto non abbia a che fare con ragioni più basilari: se i modi per ottenere buone classifiche fossero ampiamente noti, diventerebbero irrilevanti in quanto sarebbero costantemente manipolati. Nessuno tranne Google sa quali sono i veri fattori di classifica.


Lascia un commento