Come creare un sito di bufale

Leave a comment

Se avete già provato a giocare con “Fake it to you make it , un divertente passatempo gratuito che simula i vari passaggi per creare e sviluppare un ipotetico portale di riferimento per le fake news, potreste voler passare al next step.

Avete sentito dire che con le fake news si può guadagnare e pensate di cavalcare l’onda.

Questa non sarà un guida su “come fregare le persone e guadagnare” in quanto molti dei siti che hanno generato queste notizie hanno ricevuto non solo denunce ma sono stati chiusi dalla polizia postale. Inoltre mettere insieme un impero “fake” non è per niente semplice in quanto implica le conoscenze anche di come monetizzare. E a Google Adsense non piacciono i siti fake. Le problematiche sarebbero davvero tante. Andremo quindi solo ad illustrarvi come hanno fatto gli altri, per evitare di ripetere gli stessi errori.

Come hanno fatto a spacciarsi per siti professionali

Tutto inizia con la creazione di un sito web. Professionale, chiaramente. Per fare ciò avete bisogno di un dominio autorevole come “ilgiornalenews.it” o robe del genere, con un dominio proprio. Più corto è il nome, più sembra credibile.

Con Bluehost  si può creare facilmente il proprio sito, iniziando con un hosting professionale a meno di 3,95 dollari al mese (circa 3,30 euro).

Hanno installato WordPress ed installato un pulsante di condivisione dei social media per diventare virale.

Uno dei migliori plugin potete trovarlo su themeforest 

Dopo aver creato un sito Web .it, hanno anche creato gli account di social media. Un sacco di notizie false viaggiano sui social media, quindi avendo un account Facebook, Twitter, Tumblr e Pinterest hanno avuto modi più facile per attirare l’attenzione della gente e rendere i contenuti virali.

Non un sito fake all’apparenza

I siti di fake news all’apparenza possono sembrare normali siti di news. Tranquillizzano le persone condividendo articoli normali, per poi infilare le fake news tra i vari articoli e andando a pubblicizzare quelle per i social.

Le persone creano anche notizie virali che usano tristezza, umorismo, follia e stranezza per diffondere la viralità.

Fare soldi online è diventato molto più facile.

Adsense: la maggior parte dei siti inizia con Adsense in quanto è il pagamento più alto e funziona meglio di tutte le reti pubblicitarie. Ma a volte noterai che Adsense è un po ‘sensibile e potrebbe chiudersi dopo alcuni mesi.

Altre alternative pubblicitarie: ci sono più di poche alternative Adsnese come CMPLeader, Bidvertise, Chitika, ecc. Alcune reti pubblicitarie pagano molto per l’uso di annunci popup.

Queste sono solo alcune delle cose che fanno le persone per creare dei siti di fake news.

Quanto guadagna chi crea fake news?

Rendono qualcosa come come $ 10.000 al mese da AdSense,” Paul Horner, un prolifico autore di notizie false su Facebook ci ha detto questa settimana. E tra un crescente gruppo di adolescenti macedoni che vedono i siti di falsi-notizie come un modo per guadagnare denaro dalla creduloneria americana, il maggior successo può fare circa $ 5000 al mese

I soldi provengono dagli annunci, forniti dalla tecnologia pubblicitaria self-service di aziende come Google e Facebook. È un modello di business che è cambiato poco nel corso degli anni, ci ha detto David Carroll, professore associato di media design presso la New School e esperto di tecnologia pubblicitaria. “Chiunque può creare un sito e pubblicarlo”, ha detto. “Possono facilmente creare un’impresa, creare contenuti e, una volta virale, indirizzare il traffico al loro sito”.

Ci sono molte variabili che determinano esattamente quanto una storia di bufala virale può fare per il suo creatore. Ma se si considerano le condivisioni di Facebook come un indicatore indiretto del grado di visibilità di alcuni di questi siti, si inizia a capire perché, se ottimizzati correttamente, i siti di notizie false che si rivolgono a un pubblico debole possono essere redditizi.

 

Lascia un commento